mercoledì 21 marzo 2012

Fregamai


Costa 10 centesimi a persona, si fa senza mattarello né macchinetta ed è proprio rustica e buona. Certamente questa pasta di sola farina e acqua ha molti parenti sparsi in tutta la penisola, ma nell'imperiese la ricetta antica si faceva così:
  • 400 gr di farina bianca
  • 190-200 gr di acqua
Non si scandalizzino i puristi se uso una farina di grano duro che effettivamente c'entra poco con una ricetta del nord, ma neppure mangiare colla è il massimo, quindi preferisco restare fedele ai due ingredienti di base, ma con una leggera rivisitazione. Si fa un impasto piuttosto duro di farina e acqua e da questo si staccano tanti pezzetti grossi quanto un cece. Si sfregano velocemente tra le palme delle mani (fregamai, appunto) e si ottiene una pasta di circa 6-7 centimetri. Non importa quanto la si fa spessa, l'importante è che non sia di una lunghezza intermedia, cioè meglio non superare i 7-8 centimetri, altrimenti diventa poco gestibile sulla forchetta... Troppo corta per essere arrotolata, troppo lunga per essere mangiata agevolmente infilzandola!. Cuoce in acqua bollente salata per circa 5-7 minuti a seconda dello spessore. Il condimento? Quello che c'è!!

9 commenti:

  1. Che bello averti trovata, cara maddalena!
    Merito di una faringite che in questi giorni mi tiene a casa...
    Ennesima riprova che non tutti i mali vengono per nuocere!

    mimì-felicemente-sposata-con-figlio-a-carico-e-marito-con-lavoro-altalenante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! grazie che carina! allora benvenuta e buona guarigione!!!!!

      Elimina
  2. Questa sera ti ho pensato. Avevo due fette di polenta. Normalmente le avrei buttate, ma stasera le ho tagliate a quadratini, le ho abbrustolite in una pentola antiaderente e girate. Ci ho messo sopra un pò di passata di pomodoro e qualche pezzetto di grana. L'ho fatta andare finché il formaggio non si è sciolto e l'ho servita come antipasto...
    Grazie, mi stai insegnando a risparmiare!
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna la polenta è come il pane: si ricicla sempre. la friggi, la fai a fette col formaggio fuso sopra, si può fare a cubetti e unirla agli spiedini anche quelli comprati (!), si "smontano" e "rimontano" con la polenta in mezzo, (così diventano di più)... E ci sono 100, 1000 altri modi per riusarla. Non averla buttata è stata proprio una buona idea!!!!

      Elimina
  3. grazie a te! mi sembra proprio una bella idea per riciclare la polenta! la proverò di sicuro! ciao Anna, buona serata!

    RispondiElimina
  4. Buonissima questa pasta! appena mangiata con il pesto!!!

    RispondiElimina
  5. Ciao! anch'io l'ho fatta al pesto!! sono contenta che ti sia piaciuta!

    RispondiElimina
  6. Mi sembra un'idea geniale. Splendido blog, complimenti!

    RispondiElimina

Dimmi cosa ne pensi, mi fa piacere!