lunedì 5 novembre 2012

Torta dolce di polenta avanzata


Non la classica torta con farina di polenta, ma un vero e proprio dolce di recupero, morbido, quasi cremoso, come certe torte dolci di riso. Elaborata ieri, sulla base di un vecchio ricordo, (avevo mangiato qualcosa di simile da piccola, ma non ho mai trovato una ricetta che la descrivesse), è una vera bontà!
Adatta ai celiaci, sostituendo il latte con quello di soia è perfetta anche per chi non tollera il lattosio. E poi non ci sono quasi grassi, è una vera e propria torta dietetica!
Per una torta medio-grande ne servirebbe un bel po', io vi lascio le dosi per 3 etti di polenta (quella rimasta dalla cena con gli amici), sufficienti per uno stampo di 18 cm di diametro. Servono:
  • 300 gr di polenta cotta e solida, anche del giorno prima
  • 100 ml di latte
  • 50 gr di zucchero
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di olio evo
  • scorza grattugiata di limone q.b.
.In una ciotola si uniscono la polenta ridotta a pezzetti con il latte, riducendoli in una morbida crema con il frullatore a immersione. Si uniscono poi zucchero, uovo, olio e poca scorza di limone, meno di metà raso. Si mescola bene il tutto, si versa nello stampo in modo che formi uno strato di non più di un paio di centimetri e si inforna a 180 gradi per 45-50 minuti. Se avete un forno che giudicate cuocia un po' debolmente alzate la temperatura anche a 190-200 gradi, controllando la cottura con uno stuzzicadenti, o per essere sicuri che risulti ben cotto e sodo aggiungete un cucchiaio di farina all'impasto.


Una volta sfornata bisogna lasciarla raffreddare nello stampo prima di estrarla, altrimenti si romperà. Pian piano acquisterà maggior consistenza, restando comunque piacevolmente morbida. Voilà.

Ricorda vagamente lo schisèl.

 

9 commenti:

  1. Buonissima!!! I dolci a base di polenta di recupero sono sempre deliziosi, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! E poi è così facile da fare che non ci sono scuse! Mi sa che d'ora in poi un pochino la farò avanzare spesso. Ah! se ce n'è poca, basta diminuire proporzionalmente le dosi, quanto all'uovo prima lo sbatti un poco e poi ne usi quanto ti serv. Ciao, a presto!!!

      Elimina
  2. Anche questa me la segno, troppo bella!! Io la polenta avanzata la riciclo sempre ma in forma salata..non avevo mai pensato ad un dolce, grazie!
    Buona settimana!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io l'ho sempre fatta in forma salata, ma ieri ero "ispirata"... chiaramente prima di postarla il severo giudice ha dato il suo consenso: non ti nascondo che gli è piaciuta parecchio, perciò ne sono particolarmente soddisfatta!!! Ciao Carmen!!!

      Elimina
    2. Ciao Carmen! Altrove mi hai scritto che ti era risultata un po' tanto morbida. Suppongo derivi dalla diversa consistenza della polenta (più o meno acqua) ma soprattutto fa la differenza la potenza del forno. la mia dopo 45 minuti a 180 gradi era cotta ma giustamente morbida, forse con un forno diverso qualche grado in più non guasta, oppure si evita il problema con un pelo di farina nell'impasto(come hai fatto tu) per essere sicuri della riuscita. A presto!

      Elimina
  3. Ciao .... ho 1 domanda nella Polen ta ci sono anche le patate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non no, in questa ricetta solo polenta. ciao!!

      Elimina
    2. Grazie .! ciao!

      Elimina

Dimmi cosa ne pensi, mi fa piacere!