domenica 10 marzo 2013

Orzotto alla zucca


Ormai è cosa nota che più l'alimentazione è varia, maggiori sono i benefici per la nostra salute. Di qui la necessità di integrare la dieta con cereali diversi, che molto spesso hanno il pregio aggiuntivo di essere meno raffinati del frumento, conservando quindi un più alto numero di nutrienti. Ecco il perché di questa umile ricetta. 
L'orzo non è molto saporito di suo, perciò anche nelle celebri zuppe trentine viene sempre sposato con dello speck, ben più sapido. Anche il vino contribuisce ad aggiungere sapore, tuttavia ne ho messo molto poco, perché se avanza dell'orzotto, diluito con dell'altro brodo, diventa una splendida zuppa per la sera. Così ricicliamo anche gli eventuali avanzi!

Acquistando lo speck in fondini (meno di 8 euro al kg), con la zucca (intera, meno di 1 euro/kg) e del buon brodo vegetale fatto velocemente in casa con quello che c'è, si ottiene un piatto squisito dal costo molto accessibile. Inoltre chi ha la fortuna di avere a disposizione i porri selvatici può risparmiare ancora! Infine  considerando che l'orzo ha un buon potere saziante e non ne serve molto.... Ulteriore risparmio!
Ah, sarebbe meglio decorticato, ma siccome è più difficile da reperire, si può sostituire con quello perlato.
Per 4 persone servono:
  • 280 gr di orzo
  • 200 gr di zucca
  • 150 gr di porro (parte edibile)
  • 100 gr di speck a cubetti
  • 1 l circa di brodo
  • 1 rametto di rosmarino tritato
  • 1 tazzina da caffè di vino bianco
  • olio evo, sale e pepe
Si procede come per un qualunque risotto, rosolando il porro tagliato finemente in poco olio evo. Quando risulterà trasparente si aggiungono orzo e speck, lasciando tostare per un paio di minuti. Ora il vino bianco, appena sarà evaporato la zucca tagliata a dadolini di 1 cm (così cuocerà meglio), sale, rosmarino e poco brodo caldo alla volta, fino a cottura ultimata. Un po' di formaggio grattugiato, una spolverata di pepe e... Voilà!
Curiosità: orzo e segale contengono sostanze fitochimiche in grado di inibire la proteasi, un enzima presente nelle cellule tumorali, che può contribuire ad aumentarne la diffusione.
Costa poco e fa bene: più di così....

4 commenti:

  1. Buonissimo!!! Chissà se riesco a rifilarlo allo gnomo (che odia i risotti)? In questi giorni sono passata ai cereali perchè mi sento sempre gonfia ed intossicata e devo dire che mi sento meglio...

    RispondiElimina
  2. Buono l'orzo!Mi piace in tutti i modi,ma con la zucca non ci avevo mai pensato:appena trovo 3 minuti x fare la spesa ci provo.
    Un abbraccio.Jo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero tanto ti piaccia, un abbraccio, a presto!!

      Elimina

Dimmi cosa ne pensi, mi fa piacere!