martedì 14 maggio 2013

Lagane e fagioli



Che le Lagane siano una pasta antica lo dimostra il fatto che il loro nome deriva dal greco, e con ogni probabilità dalla Magna Grecia sono giunte fino alla Roma di Apicio che le cita nel suo celebre ricettario De re coquinaria. Asciutte o in brodo, in zuppe o minestre sono sempre ottime, soprattutto se accompagnate a legumi, generalmente ceci o fagioli. Come delle tagliatelle, ma larghe fino a 3-4 centimetri si realizzano solo con acqua e farina.
Non solo è un piatto antico e decisamente economico, ma anche perfetto dal punto di vista nutrizionale. Per 4 persone servono:
  • 200 gr di semola rimacinata di grano duro
  • 200 gr di farina di grano tenero
  • 200-220 gr circa di acqua
  • 220-240 gr di fagioli secchi (messi in ammollo la sera prima)
  • 1 scatola piccola di pelati
  • 1 spicchio d'aglio
  • peperoncino q.b.
  • 1 rametto di rosmarino e 1 foglia di alloro
  • olio evo e sale q.b.
Per la pasta si lavorano insieme le due farine miscelate con l'acqua sufficiente a ottenere un impasto liscio ed elastico, da far riposare una mezz'oretta avvolto nella pellicola trasparente.D0po di ciò si stende una sfoglia non troppo sottile, da cui ricavare tante lagane larghe circa 3 cm e lunghe non più di 10, che una volta pronte lasceremo riposare su un canovaccio ben infarinato.
Si cuociono poi i fagioli come d'abitudine, magari con qualche foglia di alloro (senza sale),  ricordando di lasciare da parte un po' di acqua di cottura una volta scolati. 
Ora si prepara il condimento, scaldando in una piccola pentola un filo di olio evo, aggiungendo i pelati leggermente schiacciati, aglio, erbe aromatiche e un bel po' di peperoncino. Meglio utilizzare qualche erba di vostro gradimento in quantità (anche il basilico va benissimo), perché renderanno il sugo davvero migliore. Quando anche il pomodoro è caldo si aggiungono i fagioli, lasciando andare il tutto per qualche minuto, aggiungendo sale e acqua di cottura fino ad ottenere giusta consistenza e sapidità (ricordate che l'acqua non era salata!). si versa infine il condimento sulle legane impiattate, non dimenticando un bel giro di olio evo a crudo, per rendere tutto ancora migliore e volendo del formaggio grattugiato. Buon appetito!

6 commenti:

  1. qui da noi..le lagane si preparano con i ceci..è un piatto tipico che più tipico non si può!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà che buone, sicuramente mooolto meglio delle mie! si accettano suggerimenti!!!! Ciao Katia!

      Elimina
  2. Da noi si fa una pasta simile, le foiade, e si condiscono con una salsa di funghi oppure si cuociono nella minestra di fagioli e zucca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non le conoscevo, grazie Cramen, una nuova stupenda scoperta gastronomica!! Che bello!!

      Elimina
  3. Che bel piatto semplice e pieno di sapori!!!
    Ciao, Tatiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai proprio ragione, a me sa di antico, rustico, contadino, povero e genuino. Mi piace troppo!! Un bacione!

      Elimina

Dimmi cosa ne pensi, mi fa piacere!