giovedì 27 settembre 2012

Far rinvenire il pane raffermo

Mi sembra di non aver mai segnalato questo semplice trucchetto per far tornare il pane raffermo morbido e fragrante. Gli dedico un intero post, perché a volte si dimentica di comprare (o di fare) il pane, oppure non si ha avuto il tempo o ancora semplicemente perché si vuole "far andare" quello vecchio.
 
Bisogna solo distinguere tra pane raffermo e secco: il pane raffermo, quello di uno o due giorni al massimo di solito, contiene al suo interno ancora una certa percentuale di acqua, pertanto può tornare morbido, viceversa quello secco non ha più idratazione, perciò lo usiamo per le varie preparazioni (pizza, tortini, canederli, dolci, ecc., per i quali comunque anche quello raffermo va benissimo!).
 
Ieri avevamo un avanzo un po' tanto gommoso dell'ennesima focaccia di pasta madre fatta in padella. Si fa così:
 
Prendete il pane o la focaccia, meglio se in pezzi abbastanza grandi (o fette, o panini interi). Li spennellate leggermente con un velo d'acqua, avvolgendoli nella stagnola, come quando si fascia un bel panino per un pranzo al sacco. Ora potete scegliere se metterli così chiusi sulla griglia a fiamma bassissima, oppure passarli in forno, direi a 180 gradi per una decina di minuti. Come nuovo!!

6 commenti:

  1. Grazie Maddalena! Questo trucco non lo conoscevo proprio e mi è molto utile!!!! Un bacione e buon pomeriggio

    RispondiElimina
  2. Ciao Simona, mi fa un sacco piacere se ti può essere utile. Tra i due sistemi forse è meglio il forno, la griglia (a fiamma bassa) va meglio per la focaccia, specie se si copre con un coperchio anche non di misura, non è fondamentale, giusto per distribuire meglio il calore. Buona serata!!!

    RispondiElimina
  3. Prova anche a passarlo una frazione di secondo sotto in filo d'acqua e infornalo...strepitoso e meglio di qualsiasi pietanza!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo spennello come ho suggerito, non per pignoleria, ma è che quando devo operare con "un velo" di qualcosa o me ne cade un quintale se è tipo sale o spezie, o annego la la sventurata preparazione se ti tratta di liquidi. In questo modo riesco a contenere i danni...

      Elimina
  4. Ideona ! E chi lo sapeva ?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...Quel sant'uomo del gastronomo che me l'ha insegnato anni fa... Se immaginasse quante volte mi è servita!! Ciao!

      Elimina

Dimmi cosa ne pensi, mi fa piacere!