giovedì 8 novembre 2012

Dolcetti antichi di polenta

 
Ehm, sì, ne avevo fatto un po' troppa, quindi vi posto subito un'altra ricettina con quella avanzata. Così se non avete tempo per una preparazione più elaborata queste faranno al caso vostro, perché sono pronte in un lampo!. A dire il vero tra la torta e queste leccornie mi sa che d'ora in poi cercherò di farne sempre un po' di più. Polenta ripassata in padella con pochissimo olio, niente di più, non proprio delle frittelle. Sono una merenda genuina di assoluto recupero, un vero piatto povero di una volta incredibilmente delicato. Splendidi serviti a fine pasto, si mangiano caldissimi nelle giornate invernali. Servono:
  • polenta avanzata
  • olio evo q.b.
  • zucchero integrale di canna (o come c'è in casa)
  • poca scorza grattugiata di limone o arancia (facoltative)
Si fanno delle fette di polenta non più spesse di un centimetro. Volendo si lasciano così, oppure si possono tagliare a piccoli cubetti come in foto, o coppare con un tagliabiscotti, ottenendo la forma desiderata. Si rosolano in padella in poco olio caldo a fiamma media, e quando sono ben dorati si spolverizzano di zucchero, proseguendo ora la cottura molto dolcemente per qualche secondo. Tutto qui!!

Come dicevo si mangiano caldissimi, volendo accompagnati da poca marmellata, ma io li preferisco senza niente.
Un'idea in più è servirli con poca scorza di arancia o limone grattugiata, anche si tratta di una mia "licenza poetica", per aggiungere freschezza al tutto. Anche con la cannella non sono male. Buon appetito!

Foto orribile, scusate...

7 commenti:

  1. Che bella idea, saranno buonissimi! Ciao, buona serata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì davvero, e poi che dire: di assoluto recupero quindi ancora più consigliabili!! Ciao, buona giornata!!

      Elimina
  2. Queste mi ricordano la mia infanzia, mia mamma faceva una cosa del genere....brava ad averla riproposta!!!

    RispondiElimina
  3. Grazie, sempre troppo carina...

    RispondiElimina
  4. Mi chiamo Maria e sono marchigiana. Intanto complimenti per il blog, che seguo da tempo con interesse! E' la prima volta che commento e lo faccio per chiederti se conosci la ricetta di un dolce che si fa con la farina di mais. Mi madre mi ha detto che lo cucinava spesso mia nonna e ricordo che quando ero piccola anche lei lo faceva. Lo chiama "pizza brodosa" ma non ho trovato niente nel web che gli assomigli, quindi ho pensato di chiedere aiuto a te! Lei non ricorda più le dosi perché faceva tutto "a occhio". Gli ingredienti sono acqua e farina di mais (poca perche la pastella deve rimanere abbastanza lenta e il dolce non deve sapere di polenta), zucchero, acini di uva fresca, pezzetti di noci, pezzetti di mela, o comunque la frutta che si ha in casa. Poi si mette in teglia e si cuoce al forno. Dovrebbe rimanere bassa. Non so se croccante o meno. Non oso provare a farlo che temo disastri.... Quindi passo la palla a te che sei più esperta! O forse riesci a risalire alla ricetta originale. Scusa per la prolissità... Grazie! Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria, mi spiace tantissimo, ma non lo conosco. Comunque di materiale cartaceo tra cui cercare ne ho parecchio, perciò vado subito a vedere. Se non trovo niente quasi quasi provo a farlo sulla base della tua descrizione e vediamo cosa esce. Mi spiace di non esserti d'aiuto ora come ora, però grazie, perché in compenso tu mi hai insegnato una ricetta nuova e bellissima! Mi metto in cerca! Ciao, buona domenica!

      Elimina
    2. Grazie a te e buona ricerca! Maria

      Elimina

Dimmi cosa ne pensi, mi fa piacere!