martedì 27 novembre 2012

Finta cotoletta di pangrattato


Felice improvvisazione di ieri, la posto perché di recupero, si fa in un lampo, rende molto e non si pesa niente. Si possono realizzare solo con albumi avanzati (io ho fatto così), o con uova intere, come vi torna meglio. Quanto agli altri ingredienti, massima democrazia: si usa quello che c'è in casa, nel mio caso prezzemolo e grana. 1 uovo medio è sufficiente per un paio di cotolette, vi lascio un elenco degli ingredienti per 4 persone molto molto indicativo, perché andando a occhio vengono decisamente meglio.
  • 2 uova
  • qualche cucchiaio di pangrattato
  • 1 cucchiaio scarso di farina
  • 1 cucchiaio di grana grattugiato
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • poco latte o acqua
  • olio evo, sale e pepe q.b.
Si sbattono un poco le uova in una ciotola, si aggiungono un po' di pangrattato, prezzemolo, grana, sale e pepe e si lavora il tutto con una forchetta, schiacciando bene il composto sul fondo del recipiente, in modo che l'uovo sia ben assorbito. Ora un goccio d'acqua o latte e tanta farina quanta ne occorre per ottenere un impasto omogeneo. Se ne prendono delle porzioni con le mani umide e si dà la forma desiderata su un tagliere o un piatto anch'esso inumidito, in modo che sollevando le cotolette con l'aiuto di una paletta non restino appiccicate. Meglio non farle tanto alte, direi meno di un centimetro, perché sono un po' asciutte, e in questo modo risulteranno più gradevoli. Cuociono in padella con un filo d'olio caldo in 5-6 minuti, rigirandole ogni tanto.


Sono perfette servite con un'insalata fresca di stagione. Se avete un poco di riso bollito avanzato ci sta benissimo, come pure un goccino di ricotta... Insomma, a ciascuno la sua ricetta!

10 commenti:

  1. Buonissime io di solito la preparo con gli avanzi per l'impanatura delle cotolette, in quest modo non getto via l'uovo avanzato, il pan grattato e la farina.
    Proverò ad aggiungere il formaggio. Grazie per il suggerimento :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Ma pensa, anche in casa mia si facevano per recuperare la panatura, anzi, da piccola mi piacevano di più delle cotolette vere. Uno dei post più vecchi (mi sembra ancora a febbraio) era proprio dedicato a quelle squisitezze. Mi piace scoprire che tante buone idee sono così diffuse, chissà quante ne possiamo imparare gli uni dagli altri. Questa è una versione "ricca", così per cambiare un po', visto poi che le altre le avevo già segnalate... Buona giornata Francesca, a presto!

      Elimina
  2. Anch'io preparo una cosa simile con gli avanzi dell'impanatura, ma mi piace l'idea di aggiungerci ancora qualche ingrediente: mi sa che mi hai risolto la cena di stasera, sono sempre più inguaiata e delle volte arrivo a casa stravolta e parecchio disperata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cucù, chissà se sei ancora davanti al computer... Anche avanzi di pesce bollito vanno bene, ma che te lo dico a fare, ne sai sempre più di me!! :))

      Elimina
    2. E invece lo sai che non ci avevo proprio pensato agli avanzi di pesce?
      PS: ci sono, ci sono...dove vuoi che vada??? Sto affogando nella carta.... :)))

      Elimina
  3. fatta scivolare su un sughetto di pomodoro e prezzemolo....molto saporita!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che prelibatezza! La provo! In casa mia si ripassavano le cotolette vere al forno con il pomodoro, ma queste devono essere ancora migliori, mi dà l'idea che acquistino maggior morbidezza oltre che sapore. Grazie! :)

      Elimina
  4. Questo piatto me lo preparava mia nonna!!!:) Buonissimo!!!
    Un bacione Maddalena e buona serata!

    RispondiElimina
  5. Anche per me è una ricetta altamente evocativa, e forse per questo mi piace particolarmente. Ma cosa riuscivano a cucinarci con niente in famiglia, troppo bravi... Ciao Simo, Buona giornata!!

    RispondiElimina
  6. Sono una schiappa in cucina, ma questa ricettina mi é venuta proprio bene. E' semplice e genuina , indubbiamente meglio di tante schifezze pronte che troviamo nei vari negizi.

    RispondiElimina

Dimmi cosa ne pensi, mi fa piacere!