mercoledì 14 novembre 2012

Latte di avena a freddo (versione rapida)

 
Ma visto che i vari tipi di latte alternativi costano tutti un sacco di soldi, perché non farseli da soli? Al biologico mezzo chilo di avena costa 1.50 euro e con 50 grammi si ottiene già un buon quantitativo di prodotto. Tuttavia anche se la maggior parte delle ricette (in rete se ne trovano tantissime) prevede l'uso di avena decorticata e una lunga cottura, oggi lo facciamo a freddo partendo dai fiocchi (quelli piccoli in confezione da mezzo chilo vengono circa 2.00). E' una versione un po' più spiccia, probabilmente meno ricca di nutrienti, ma molto economica, visto che l'ingrediente più abbondante è...  Il tempo di ammollo dei fiocchi. Zero cottura insomma!
A me questa versione piace anche perché si ottiene un latte meno denso, da bere così o da usare nella preparazione di dolci più leggeri e aromatici, al posto di quello vaccino. Per poco meno di 1 litro di latte servono:
  • 100 grammi di fiocchi di avena
  • 1 litro di acqua fredda
  • 1 pizzico di sale
  • zucchero integrale di canna q.b. per dolcificare
Dopo aver lasciato i fiocchi in ammollo per 12 ore si frulla con il frullatore a immersione. Si filtra poi attraverso un panno pulito, lavato senza detersivi ma solo con acqua bollente (ne ho qualcuno da parte per quando faccio il pane). Si strizza bene e a questo punto si zucchera a piacere, riponendo il latte in frigo per tre giorni al massimo in una bottiglia di vetro. Si può bere anche riscaldato e mi raccomando, non buttate via lo strizzo, come per quello del latte di mandorle si può riutilizzare nello yogurt o nell'impasto dei biscotti. Buono anche da solo con un po' di zucchero, uvetta, nocciole tritate, qualche goccia di cioccolato, frutta fresca... ecc., ecc., ecc....

Va agitato prima dell'uso, benché filtrato presenta sempre un deposito sul fondo. Ah! Si può anche aromatizzare con un pochino di vaniglia o altro a piacere!

10 commenti:

  1. Fantastico! Quanto mi piacciono queste autoproduzioni, danno sempre tante soddisfzioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bea, come al solito hai troppo ragione! L'idea di fare da sè è la più gratificante in assoluto! Troppo, troppo bello!! Ciao, a presto!

      Elimina
  2. Mia mamma mi faceva questo "latte" quando ero piccola. E ricordo che mi piaceva tanto. Adesso mi fai proprio venire voglia di prepararmelo:))) Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Helga! Ciao! ma sai che consideravo proprio in questi giorni che nei paesi teutonici sono avanti anni luce. Certi prodotti da noi cominciano a diffondersi solo negli ultimi anni: per moda,necessità o nuova consapevolezza. Resta il fatto che dagli altri c'è sempre da imparare! A proposito: come lo faceva tua mamma? Se ti va di insegnarmelo te ne sarei davvero grata! Ti auguro una splendida giornata e già che ci sono ne approfitto per dire a tutti che I TUOI BOTTONI SONO MAGNIFICI!!! Li ho fatti vedere anche al severo giudice che adora lavorare il legno nel tempo libero, chissà che non riesca a farmene fare qualcuno... Buona giornata!!!

      Elimina
    2. Penso che mia mamma faceva il latte di avena (Hafermilch in tedesco) proprio come l'hai descritto tu. Ricordo che all'epoca era molto di moda tra le mamme tedesche (che dicevano che il Hafermilch fa bene all'intestino e al metabolismo in generale), ma la maggior parte dei bambini lo odiava!! Io no, perché ci mettevo molto zucchero e/o miele:))
      Poi mi ricordo un'altra ricetta con avena e acqua: Haferbrei (pappa di avena) con mela e cannella. Penso si faceva più o meno così (non ricordo le quantità però): fai bollire un'attimo i fiocchi di avena con acqua, un po' di sale (e se vuoi anche dello zucchero - facoltativo). Poi lasci questa pappa calda riposare per circa 10 minuti (diventa più densa così). Poi metti il Haferbrei ancora tiepido in un piatto e sopra ci gratti mezza mela. Alla fine un pizzico di canella per il profumo....... Ricordi d'infanzia:)))))
      Buona giornata anche a te!!!

      Elimina
    3. Helga, grazie! Ho un libro molto interessante sui cereali, dove ho trovato qualcosa di analogo a quello che mi hai descritto, di certo ha un nome meno affascinante e in qualcosa differisce, perciò ti ringrazio tantissimo per avermi insegnato questa nuova ricetta 8peraltro molto sana, perciò ancora più gradita). ma in articolare non sai quanto sono felice di sentire le storie di famiglia, specie se del passato. Quando posso mi faccio raccontare il più possibile, per ricordare tutto ed evitare che vada perduto. E poi affiorano sempre ricordi bellissimi!! ;)) A presto!!!

      Elimina
  3. Stupenda la ricetta per fare il latte di avena. Io lo consumo spesso ma davvero farlo in casa conviene.
    Lo provo di sicuro.
    grazie mille per questo bellissimo consiglio.
    baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma figurati! Anzi se pensi che possa essere migliorato e trovi una buona formula fammelo sapere, ci conto! P.s. Stupendo il risotto con zucca e riso integrale, e lo dico con cognizione di causa, perché l'ho fatto oggi! Squisito e poi sono proprio due ingredienti straordinari, anche per la salute! Buona serata!!!

      Elimina
  4. Che buono!!! Io il latte vaccino non lo posso bere, quindi ogni alternativa è apprezzatissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Filtralo bene, altrimenti quando lo scaldi rischia di attaccarsi al pentolino!!

      Elimina

Dimmi cosa ne pensi, mi fa piacere!