lunedì 10 dicembre 2012

Focaccia di polenta sulla gratella

 
Un altro facilissimo dolce di polenta avanzata molto economico e rigorosamente di recupero. Per chi non digerisce il latte, per chi vuole un piatto dietetico senza  olio o burro, e semplicemente per chi vuole cimentarsi in una preparazione che sa di rustico e di antico anche se di fatto l'ho improvvisata ieri. Nata come idea di riciclo e ispirata alle focacce venete cotte sulla "gradela" è così povera, semplice e al contempo buona che vale la pena provarla. Dico subito che con questa dose ne viene una quadrata sui 16 cm, ma per semplificarsi la vita e girare il tutto più facilmente con una paletta, meglio dividere l'impasto in due parti. Servono:
  • 200 gr di polenta cotta e fredda, anche del giorno prima
  • 150 gr di farina di frumento
  • 65-70 gr di zucchero di canna non integrale
  • 1/2 limone (scorza grattugiata)
  • 2 pizzichi di lievito per dolci

Si sbriciola la polenta con le mani o con l'aiuto del mixer, si aggiungono gli altri ingredienti e si forma un impasto non troppo duro, lavorandolo il meno possibile. Aiutandosi con altra farina sul piano di lavoro si stende il composto alto non più di 1 cm, ponendolo poi sulla griglia già calda. Va cotta a fiamma minima, sul fuoco più grande, aspettando 6-7 minuti  a girarla la prima volta, per evitare che si rompa, essendo piuttosto delicata, mentre le successive l'operazione sarà molto più agevole. L'ho rivoltata quattro volte in tutto, per formare il classico disegno da entrambe le parti, per un tempo complessivo di 20-25 minuti. Gustata fredda è più buona.
 
E' ancora migliore servita con poca marmellata, diminuendo però la dose di zucchero nell'impasto per evitare che il tutto risulti troppo dolce.

12 commenti:

  1. Fantastica Maddalena!!!!:) la proverò al più presto! Un bacione!!

    RispondiElimina
  2. AAAAHHH che buona deve essere!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considerando che è proprio semplice semplice e che praticamente non c'è quasi niente... E' proprio buona! Ciao Bea!!!! ;)))

      Elimina
  3. Ma quante ne sai!!Qui siamo polentoni, buonissima anche questa!Ciao...

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. ;) Ciao Silvia, grazie a te e buona serata!!

      Elimina
  5. Ciao Maddalena, ancora non è finita la serie della polenta. io me le segno tutte, grazie!!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...La verità è che qui ci piace parecchio, in più un caro amico ce ne ha regalato diversi chili (!) della sua, fatta con il mais del suo campo. Così le occasioni di sprimentare non mancano! Poi finora ci sono piaciute tutte, e al severo giudice parevano tutte degne di pubblicazione. Ciao Carmen, a presto!!

      Elimina
  6. Squisita...ma dove le scovi???? Ho un magnifico libro di cucina tradizionale e contadina della mia zona, devo trovare il tempo di farti avere qualche bella proposta perchè tu le sfrutti al meglio! Bravissima come sempre!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa me la sono inventata, forti contaminazioni venete, e lombarde ovviamente...di necessità virtù...Buona serata!!

      Elimina

Dimmi cosa ne pensi, mi fa piacere!