sabato 2 marzo 2013

Acciughe all'ammiraglia


Ora, questo post mi sta particolarmente a cuore, perché è proprio una ricetta di famiglia. Anzi, credendo che fosse di mio papà gli ho chiesto ragguagli prima di prepararla, per poi sentire mia mamma intervenire dicendomi che gliela aveva insegnata lei, ma che arrivava da suo zio.... Insomma, una lunga genealogia. 
Sta di fatto che questo famoso zio Roberto era davvero un gran mago della cucina e queste acciughe ne sono la prova. Dimenticate quelle del ristorante, spesso servite come antipasto, e altrettanto spesso agre e troppo piene di limone o aceto, queste sono mooolto più buone e fanno fare un figurone con gli ospiti. E poi è sempre pesce azzurro, altamente consigliabile per tutti e altamente più economico di altri!!! 

Non crediate che siano difficili da preparare, il più lo fa il tempo, c'è solo un po' da leggere, ma garantisco che ne vale la pena. Indicate nei mesi più caldi, le posto oggi, perché in questi giorni il pesce al mercato era bello, accessibile e perciò ne ho preso in quantità!
Diciamo che per 4 persone può andare bene mezzo chilo di acciughe, ma de gustibus.... Comunque servono:
  • acciughe pulite, aperte a libro
  • vino bianco e aceto in pari quantità q.b.
  • 2 o 3 limoni
  • prezzemolo e aglio tritati q.b.
  • olio evo e sale
Si fa così: si prendono le acciughe pulite e si dispongono in una terrina o un piatto che abbia i bordi un po' alti, vanno benissimo le pirofile rettangolari da forno, io in genere uso quelle. Si fanno due, al massimo tre strati di acciughe e si irrorano con vino bianco ed aceto fino a coprirle completamente. Ora si mettono a riposare un'intera notte in frigo, coperte con la pellicola trasparente. A mattino si scolano, l'ideale è asciugarle un pochino con della carta assorbente, ma senza diventarci matti, giusto una tamponata. Pulito e asciugato il contenitore si rimettono le acciughe che saranno abbastanza cotte, ma non del tutto: non preoccupatevi è giusto così! Quando sono state tutte ben disposte di irrorano con succo di limone, di nuovo fino a coprirle lasciandole così, fino all'ora di pranzo (3 ore). Poi si sciacquano delicatamente sotto l'acqua corrente, anche tutte insieme dentro il solito contenitore (non occorre lavarle moltissimo, ma togliere l'eccesso di acidità sì), si tamponano di nuovo e si mettono sul piatto di potata con olio evo prezzemolo, aglio e sale q.b. 
Buon appetito!

P.s. E poi non si accende neppure il fuoco, e non si spreca gas... 

13 commenti:

  1. Buonissime, le faccio spesso, ma con una minor marinatura: comunque sia...superbe!!!
    Bacio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh,eh, qui devo seguire alla lettera la ricetta di famiglia, ne va dell'onore della tradizione! Baci!!!! ;)))

      Elimina
  2. buoneeee, mi piacciono le acciughe..solo che non sono bravissima a pulirle e ci metto davvero tanto tanto tempo..ogni tanto però le compro e così non le avevo mai preparate,al prossimo acquisto provo! Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuieta a chi lo dici. Io ci metto una marea di tempo, sono lentissima, per fortuna ci piacciono tanto, perciò ne vale la pena, altrimenti dubito che mi cimenterei nell'impresa! Spero ti piacciano anche così! A presto!

      Elimina
    2. Mettele prima a mollo e la lisca si staccherà da sè....

      Elimina
    3. Preparate e pappate! Grazie per la dritta dell'acqua a "Cucinaincontroluce", in effetti si staccano meglio!!

      Elimina
  3. Sto per leccare lo schermo!!! Adoro le alici marinate e la tua ricetta di famiglia la proverò molto presto! Io al posto del prezzemolo metto le foglioline di menta e ci aggiungo le scorzette di limone (che adoro!). Anche io sono una lumaca a pulirle!Per fortuna (a parte giorni particolari)da me al mercato le puliscono, in più a marito e figlio maggiore (che ha imparato a pescare prima che a leggere)non crea problemi pulirle (in cambio possono avere porzioni doppie pero!).
    Io ci marinato anche i filetti di cernia e un pesce serra,ma non ho mai provato con gli sgombri.Che dici saranno buoni?
    Buon w.e. e grazie di averci ospitate anche oggi nella tua accogliente cucina virtuale...
    Jo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jo! Onestamente non ho mai provato con gli sgombri. Io marino i suretti che costano poco ed essendo un po' grassi beneficiano moltissimo della marinatura. Secondo me anche gli sgombri vengono bene, perchè no? E poi di marinate te ne intendi, magari ne crei una ad hoc per loro! Ti auguro una splendida domenica e grazie ancora una volta per passare a insegnarmi un bel po' di cose. Un abbraccio! P.s. Che bello avere tanti aiutanti!!!

      Elimina
  4. Risposte
    1. Beh, posso capirti, a me invece moltissimo, ma solo con questa ricetta, quelle del ristorante invece per niente! Ciao, Buona domenica!!

      Elimina
  5. Ciao Maddalena,grazie a te per le idee geniali ed ECO che condividi con noi e per ogni spunto che ci offri!La somma delle ricette di noi tutti è sicuramente maggiore di quella di ognuna di noi :)) e non avremmo imparato quelle ricette se qualcuno (parente o non) non avesse avuto la generosità di condividerle con noi...
    Io e mio marito camperemmo di pesce crudo e marinato e persino il puffetto di 5 anni lo adora!Forse è influenzato dall'eccitazione di pescare con il fratello e poi mangiare i pesciolini o di vedere al mare uomini che si impegnano tanto cercando di pescare qualcosa...
    Per gli sgombri appena li ritrovo in offerta ci provo e ti faccio sapere...i suretti non li ho mai trovati,ma mi informo. Per essere sinceri il pesce serra l'ho scoperto l'estate scorsa: è un enorme pesce azzurro.Me lo hanno regalato dei pescatori carini(non di mestiere,ma per passione nei week-end e l'estate)al mare alle cui mogli regalo qualche verdurina sott'olio,pasta e fagioli o crepes e con cui scambio ricette e cibi ;))
    Ho preparato la tua splendida ricetta,ma non avendo il nasello ho usato dei filetti di platessa e i bimbi l'hanno divorata!Un abbraccio e buona domenica!Jo

    RispondiElimina
  6. Scusate ragazze ma pulire le alici è facilissimo rispetto agli altri pesci , basta staccare la testa e sfilare l'interno, un po' più lungo è togliere la lisca perché bisogna aprirle e toglierla.
    Comunque vorrei aggiungere un altro tipo di marinatura semplice e dire che si può usare con pesciolini o con melanzane fritte a pezzetti: soffriggere aglio e un pezzetto di peperoncino piccante con poco olio, aggiungere molliche (non piccole) e aceto allungato con poca acqua,far evaporare e versare su pesci o melanzane e mangiare freddi. Buon appetito!

    RispondiElimina
  7. Bella davvero questa preparazione che fa venire l'acquolina in bocca!! Grazie di aver partecipato cara e alla prossima! Pamela

    RispondiElimina

Dimmi cosa ne pensi, mi fa piacere!