giovedì 6 settembre 2012

Kaisersmarren


Una specie di crêpe squisita e bella sostanziosa. Narra la la leggenda che fu preparato in fretta e furia da uno sventurato cuoco per l'imperatore austriaco Francesco Giuseppe. Il dolce si ruppe, ma fu presentato lo stesso e il risultato fu un successo inaspettato... Sfido, è buonissimo, costa ben poco, sazia parecchio e chiunque è in grado di farlo. Meglio di così.... La tradizione lo vuole accompagnato da marmellata di mirtilli rossi e comunque da una marmellata acidula, in modo da esaltarne (e contrastarne in parte) la dolcezza. Come tanti piatti della tradizione le dosi degli ingredienti sono molto variabili. Per la cottura ho usato del buon olio evo, ma tutti i ricettari indicano (giustamente) il burro.Ingredienti per 4 persone:
  • 6 uova
  • 250 ml di latte
  • 120-140 gr di farina
  • 4 cucchiai di zucchero semolato
  • 2 cucchiai di rum
  • 1 manciata di uvetta
  • zucchero a velo q.b.
  • 1 pizzico di sale e cannella q.b.
  • burro q.b.
In una ciotola si lavorano i tuorli con farina, latte, rum e la cannella. A parte si montano a neve gli albumi con lo zucchero e il pizzico di sale, unendo poi il tutto ai tuorli, amalgamando con cura dal basso in alto. Si scalda poi un po' di burro in un'ampia padella, si versa l'impasto in uno strato non troppo alto, si cosparge di uvetta e si lascia andare a fiamma dolce finché non sarà ben cotto, girandolo a metà cottura. Si serve  tagliato a pezzi irregolari o a striscioline con lo zucchero a velo e, come dicevamo, con della marmellata di mirtilli a fianco. Ottimo caldo, buono anche tiepido.
 
Se non a tutti piace la cannella si può unire sul dolce già impiattato.

Confesso che mi è capitato di farlo senza montare gli albumi, per ridurre un po' i tempi: viene comunque bene!

8 commenti:

  1. I Kaiserschmarren sono favolosi, un mattone, praticamente un pasto completo, ma caldi, spolverizzati di zucchero a velo e con la marmellata (o il miele) accanto o anche con un po' di cannella...beh, sono una delizia irrinunciabile!!! Ottimi con una bella Weissbier fresca....

    RispondiElimina
  2. Ma sei proprio una goduriosa!!! Ti dirò, ho provato a farne una versione più light, semplicemente con uova, poco zucchero, uvetta e un goccio di latte, usando poi olio e.v.o.: chiaramente non è la stessa cosa, ma il mio palato ne è stato sufficientemente appagato! (Santo cielo come scrivo!). Ciao, scappo! Buona giornata!!

    RispondiElimina
  3. Questi sono veramente da provare!!!
    Ciao.
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo Anna, e poi se c'è poco tempo si prerarano davvero in un attimo! Ciao, buona giornata!!

      Elimina
  4. Sono una vera tentazione! Ma dove le trovi tutte queste ricette particolari!?
    baci bea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Questa in particolare l'ho mangiata diverse volte in trentino,anche questa estate così mi sono documentata e voilà! Ciao, Bea, buona serata!!

      Elimina
  5. Non li ho mai assaggiati ma devono essere buonissimi!!! Sono da provare assolutamente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo, squi-si-ti-ssi-mi!!! E poi facili facili, non proprio leggeri ma insomma, per una volta chiudiamo un occhio... Ciao Simona, buona serata!!!

      Elimina

Dimmi cosa ne pensi, mi fa piacere!