domenica 10 febbraio 2013

Finto formaggio di mandorle e patate


Ricetta carinissima, troppo simpatica, ma di non breve realizzazione (a meno che... vedi in fondo!). Ennesima preparazione ottocentesca, era un sostituto del classico formaggio da grattugiare, che dopo una lunga essicazione poteva essere utilizzato allo stesso modo, o più semplicemente mangiato a pezzetti. La ricetta originale prevede 600 grammi di patate, 300 di mandorle e 300 di pinoli. Visto il costo proibitivo degli ultimi, poco consono al blog, ne ho fatto metà dose (solo con le mandorle) per accelerare i tempi e proporlo il prima possibile, anche come semplice curiosità. Vi lascio il procedimento originale e quello un  po' più spiccio, da me adottato. Comunque per 4 persone servono:
  • 300 gr di patate
  • 300 gr di mandorle pelate (o 150 gr e 150 gr di pinoli)
Si bollono le patate intere e con la buccia, poi si pelano e si lasciano intiepidire. Nel frattempo si tritano molto finemente le mandorle, amalgamandole poi alle patate. Con le mani unte di olio si forma una palla, la si appiattisce un poco e si pone il "formaggio magro" (titolo originale) a seccare all'ombra, su foglie di alloro, ungendolo di quando in quando, fino a a quando sarà completamente asciutto... Bello poetico, un po' lunghetto però!!

Oppure: una volta data la forma, bassa e larga si pone su un calorifero, vicino a una stufa, o semplicemente nel forno dopo aver terminato la cottura di qualche pietanza, o ancora al Sole nella bella stagione e/o nelle giornate calde, facendo però attenzione che la temperatura non sia in ogni caso troppo alta, cosa che rovinerebbe gli oli essenziali della frutta secca. In 3-4 giorni dovrebbe essere pronto, ma come capirete le variabili: spessore, quantità d'acqua contenuta nelle patate e temperatura possono far variare di molto i tempi!

Infine se lo infornate a forno caldo ma spento e lo lasciate lì, potete servirlo come contorno, senza aspettare che indurisca, e sentirete che bontà! Ammetto che una volta l'ho preparato anche con i pinoli per provare il sapore originale, e ci stanno davvero bene, ma ognuno....

P.S. Delle Piane, Cucina di strettissimo magro. Genova, 1880.

10 commenti:

  1. questa me la segno che la voglio proprio provare (senza pinoli!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti con i pinoli ne ho fatto una dose piccolissima e solo perché mi erano avanzati da una preparazione di Natale, le mandorle vanno più che bene... ;)

      Elimina
  2. E figurati se non ci proverò...questa è proprio una novità per me...ciao!!
    Buona settimana!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me, ma mi piaceva troppo, ho dovuto provarlo al più presto!! ;))

      Elimina
  3. E' la prima volta che' sento di una ricetta cosi. La vorrei provare presto. Il libro che' hai citato ce l'hai tu? Vale comprarlo? Tante domande, spero non ti disturbano. Si puo gratuggiare questo formaggio finto? O si sbricciola?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lu! Ma figurati se disturbi! Allora, io ho il libro, tuttavia non so se valga davvero la pena comprarlo. Per curiosità sì, ma delle molte ricette tantissime sono con pesce (costoso), molte hanno i pinoli, che in Luguria si sono usati in ogni tempo prima che diventassero costosissimi ai nostri giorni. E poi tanti altri ingredienti utilizzati qui, oggi costano un sacco!
      Sì il formaggio si può grattugiare, solo deve essere ben secco quindi qualche giorno ci vuole, meglio farlo basso così si asciuga prima. Inoltre bisogna ungerlo con poco olio ogni tanto per eviare che secchi troppo e poi perché l'olio lo protegge dai batteri e aiuta a conservarlo.
      A presto!!

      Elimina
  4. Eccomi qua di ritorno!!! E mi accogli con questa ricettina straoriginale... che meraviglia, curiosissima, da provare assolutamente perchè sinora non ti sei mai smentita!
    Un bacio!
    Tatiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Originale sì, di quasi 200 anni!! Forte vero?? ;))

      Elimina
  5. Fantastico!!!!! Quello che stavo cercando, io purtroppo per problemi di salute non posso mangiare nulla che contenga sale... :-(

    la devo sicuro provare...credo che userò le noci a posto dei pinoli...

    Il sapore come? sembra formaggio? ditemi di si perchè mi manca tanto...

    CIAO, Cristian

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!! Non sembra tanto un formaggio, o meglio, lo ricorda, ma ha un gusto tutto suo decisamente speciale. A me è piaciuto tantissimo. le noci forse sono un po' amare per questa preparazione, ma non le ho mai provate, magari ci stanno pure meglio dei pinoli! Sono curiosa del risultato. Fammi sapere!!

      Elimina

Dimmi cosa ne pensi, mi fa piacere!