giovedì 4 aprile 2013

Torta antica di semolino (senza grassi)



Non posso che parlare bene di questa ricetta: per la sua tradizionalità, la semplicità degli ingredienti e quella di esecuzione, per il costo bassissimo e cosa non meno importante, per il fatto di essere una merenda straordinaria per i bimbi e un dolce perfetto per tutti. 
L'unca considerazione che forse merita di essere fatta è che una volta si utilizzava un latte decisamente più grasso di quanto facciamo oggi, pertanto era una preparazione un po' più sostanziosa, ma ciò non toglie che sia buonissima anche così, con il suo sapore antico e dimenticato, perciò inusuale per noi.
Per una teglia di 28 cm di diametro servono:
  • 1 l di latte (vanno bene anche quelli alternativi per chi è intollerante)
  • 250 gr di semolino
  • 4-5 grossi cucchiai di zucchero
  • 1 uovo
  • poca scorza grattugiata di limone
  • qualche noce, nocciola o mandorla
Si mette a scaldare il latte in una pentola senza portarlo a bollore. Quando sarà caldo si aggiunge il semolino a pioggia, come per preparare una bella polenta, e si fa addensare per 4 minuti (sono sufficienti). Si lascia poi intiepidire questa polentina prima di aggiungere zucchero, uovo e la scorza di limone. Si dispone ora il composto nella teglia e si cosparge di frutta secca tritata grossolanamente: a me sono bastate 6 noci e 7-8 nocciole, giusto per dare un'idea, e perché era quanto avevo in casa. Cuoce a forno ventilato sui 190 gradi per 35 minuti circa, con una cottura statica bisogna considerarne almeno 50, comunque sarà pronta quando sarà ben rassodata. Stupenda nella sua semplicità!

11 commenti:

  1. Davvero stupenda Maddalena!!! Me la salvo:)
    Un bacione e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simo, grazie come sempre, a presto!!!

      Elimina
  2. Un dolce davvero invitante.. da fare senz'altro!!
    Grazie della ricetta, buona serata!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carmen, sei sempre un sacco carina: mi spiace che non sono più passata spesso a trovarti, ora spero di avere più tempo. Chissà che cose stupende hai fatto in questo periodo!!

      Elimina
  3. Buonissima!!! Adoro il semolino e mi hai fatto ricordare da quant'è che non lo mangio... qui bisogna recuperare....
    Baci, Tatiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero che ricorda l'infanzia? ma una volta non ce lo propinavano molto di più???

      Elimina
    2. Sìììì, minestra di semolino e burro...slurrppp!!!

      Elimina
  4. ciaoooo piacere di conoscertiiii ma che bel blog!nuova lettrice passa da me ti aspetto.

    http://assaggi-incucina.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!!! Che bello, molto piacere, passo subito, sono curiosissima!! A presto!

      Elimina
  5. Ciao ,ho provato a fare questo dolce solo che è rimasto morbidissimo e ho dovuto buttare tutto, l ho fatt con latte di riso secondo te come mai? Grazid

    RispondiElimina

Dimmi cosa ne pensi, mi fa piacere!